Organizzazione complesse e HACCP

Gestione Documentale
HACCP

Le stranezze dell’HACCP

Tutti noi in un determinato momento della nostra vita professionale abbiamo incrociato questo acronimo HACCP: ossia Hazard…

eh no! non vogliamo ripetere quello che già sapete.

Dicevamo, tutti abbiamo provato a capire cosa significasse per noi e per i nostri collaboratori lavorare per adeguare le nostre procedure a quello che abbiamo valutato essere il “giusto”.

L’HACCP è particolare, ci obbliga a definire, implementare e rispettare un codice di AUTOcontrollo.

Ed è una cosa strana: in Italia siamo abituati a regole, leggi, regolamenti, allegati ai regolamenti contenenti tabelle e schemi da seguire, spesso fin troppo dettagliati.

In controtendenza rispetto a questa abitudine, sulla sicurezza e l’igiene alimentare il legislatore ci impone l’autodisciplina, e – al netto di clamorosi errori – possiamo affermare che il sistema funziona.

 

Autocontrollo in organizzazioni complesse

Siamo diventati bravissimi

  • nel preparare i manuali di autocontrollo con i nostri consulenti,
  • nel dotare i nostri collaboratori di schede da compilare,
  • nel creare procedure esaustive per le gestione di campioni dai risultati non ottimali, ecc.

Da una ricerca di mercato è, però, emerso un dato importante: la nostra capacità di autocontrollo è inversamente proporzionale al numero di locali, mense, ristoranti, punti vendita che gestiamo.

Circa un 20% dei responsabili HACCP ha difficoltà ad assicurarsi del buon procedere dei colleghi se gestisce 2 o 3 punti di produzione, questa percentuale aumenta al 50% con 5 punti di produzione…. non vi racconteremo la percezione che un responsabile HACCP di 10 ristoranti ha sul proprio lavoro 😉 !

Responsabile HACCP, dati e documenti

Questa insicurezza deriva dal fatto che i manuali, la documentazione, i rilevamenti, le informazioni sugli stock di produzione, ecc. ecc. vengono prodotti quasi sempre su carta e su carta vengono sempre conservati presso i ristoranti e presentati (se, nel disordine, non si sono persi) alle Autorità Competenti.

La buona notizia è che finalmente abbiamo la possibilità di affrontare questa insicurezza, abbiamo gli strumenti per superare la distanza fisica che esiste fra la sede in cui lavori tu, Responsabile HACCP e quella in cui lavorano cuochi, addetti alle pulizie, camerieri, ecc.

La tecnologia può offrire ai tuoi colleghi un’app in cui inserire i dati richiesti nel rispetto delle tue procedure di autocontrollo e un software che trasforma questi dati in documenti, report che – sia tu che loro –  avrete sempre a portata di mano, ordinati automaticamente e facilmente accessibili.

Ne parliamo nel prossimo webinar

Il 30 ottobre ne parleremo alle 15 nel nostro webinar illustreremo un caso pratico di digital transformation applicata alla gestione delle procedure HACCP.

 


ISCRIVITI AL WEBINAR


 

Qualcuno (sai chi?, raccontacelo!) ha detto che “l’informazione è potere”, concediti la serenità di poter essere, davvero, Responsabile HACCP!